Buon Anno Geo Davidson!

È stato un anno difficile su tutti fronti, incluso il nostro tanto amato ciclismo e la nostra Geo Davidson.
Questo ha fatto sì che ogni uscita “libera” fosse assaporata ancora di più, speriamo di non dover più subire certe limitazioni in futuro.

Ogni km condiviso con qualcuno di Voi ha alleggerito il nostro percorso in questo 2020 e nuovi obiettivi già si intravedono all’orizzonte.

Sarà bello il viaggio per arrivare a raggiungerli e se anche non ce la faremo, se ci avreno messo il massimo impegno, saremo soddisfatti ugualmente perché la sfida vera è con noi stessi nel cercare di spostare i nostri limiti senza farne un’ossessione.

Auguriamo a tutti un 2021 fatto di tanti km in compagnia, in solitaria, in salita, in discesa, nei boschi etc. Ma soprattutto in sicurezza ed in salute che sono i nostri maggiori bisogni!

Buon anno e pedalate a tutti!

Fausto Rosi ci ha lasciati

Con le parole di Luigi Magri, ex Presidente della Geo Davidson 1946 (dalle cui ceneri è nata la Geo Davidson 2019), vogliamo ricordare un grande uomo. La Geo Davidson 2019 porge le più sincere condoglianze alla famiglia di Fausto Rosi.

Fausto Rosi intervistato dall’amico Luigi Magri

Fausto Rosi, un grande amico e fidato suggeritore della Geo Davidson.
Negli anni ha portato a Rapallo il fior fiore degli atleti nazionali e internazionali del dilettantismo a cimentarsi nella classicissima.

Speaker ricercato in tutta Italia alle gare più importanti, ma una garanzia
per il Giro dell’Appennino e il Laigueglia tra i professionisti, per la Milano Rapallo tra i dilettanti e per il Giro a tappe della Lunigiana internazionale Juniores. Giornalista sportivo della Gazzetta del Lunedì, è stato prima Presidente del comitato Genovese della FCI e poi vicepresidente del Comitato Regionale della FCI.

Rosi, Ciccone e L’ex Presidente Geo Davidson Roy Rhode

Nella foto sopra, dopo l’intervista al vincitore dell’ultima Milano Rapallo Giulio Ciccone, in seguito vincitore di tappe al giro e al tour dove ha anche vestito la maglia Gialla

Mancherà molto al mondo del ciclismo e al Sottoscritto
Luigi Magri

Cos’è questo silenzio?

Cari amici della Geo Davidson, come avrete notato sono ormai due mesi che il sito non viene aggiornato, periodo un po’ lungo ed inusuale per quanto ci riguarda, ci fa sempre piacere avere un contatto diretto con i nostri “follower” (fa figo da matti scrivere così nel 2020!).

In realtà abbiamo, purtroppo, ben poco da dire, questi lockdown parziali, zone gialle, arancioni, limiti comunali etc. hanno spento un po’ gli animi di tutti noi pedalatori seri e meno seri.

Tanti si stanno dedicando in maniera massiva ai rulli, interattivi e non, visto che il tempo inclemente e le giornate brevi fanno in modo che sia per alcuni l’unico momento disponibile della giornata. Chi può invece fa una scappata ben coperto, in pausa pranzo o nel weekend, nelle zone vicine quando sulle alture inizia già a spuntare la neve.

Lo sguardo volge al 2021, non vediamo l’ora di metterci alle spalle quest’esperienza traumatica del 2020, anno decisamente da dimenticare per tanti motivi anche ciclistici, seppur sappiamo che sarà solo un girar pagina sul calendario e nella vita reale ben poco cambierà, ma le tradizioni vanno sempre rispettate.

Il nuovo DPCM vieta gli spostamenti nelle giornate calde delle vacanze natalizie, specialmente per le visite ai nostri parenti più stretti, dobbiamo quindi trovare valide alternative per non far sentire soli i nostri cari in quelle giornate che possono essere più malinconiche del solito.

Insomma il succo di tutta questa premessa è per dire che, come tutti, siamo piuttosto presi con altre questioni più importanti della vita reale, malattie, impegni, problemi economici (un pensiero a tutti quelli in difficoltà è d’obbligo) che il semplice divertirci sulle nostre amate due ruote.

Ma non dimentichiamo mai una cosa, nulla più di una sgambata all’aria aperta sulla nostra specialissima, mountain bike o ebike può regalarci qualche momento di svago. Tornar bambini, ragazzi, cavalcare per qualche ora il nostro mezzo isolandoci dalle problematiche della vita che ci aspetteranno al ritorno a casa, ci permetterà di ricaricare un po’ le batterie della positività, in questo momento così pesante proprio in un periodo dell’anno generalmente votato alla leggerezza, al divertimento, alla famiglia ed alla frivolezza.

Continuiamo a pedalare verso l’orizzonte, sperando di ritrovarci presto in strada senza più problematiche di mascherine, distanziamenti, limiti e confini, un caro saluto ed augurio di Buone Feste a tutti da parte della A.S.D. Geo Davidson 2019!

Auguri Presidente

Eugenio Melis

Proprio ieri sera il nostro amato Presidente Eugenio Melis, ha festeggiato il suo compleanno, presso il Bar Colombo di Rapallo offrendo da bere a chi lo ha raggiunto per un brindisi. Seppur la pioggia abbia contribuito a decimare le presenze, non pochi sono stati gli amici e compagni di squadra convenuti.

Eugenio è un uomo coriaceo, che ha saputo far fronte a sfortune della vita come fossero salite dolomitiche con pendenze a due cifre, non si è dato per vinto ed anzi grazie anche alla forza che da “bordo strada” gli infondeva la moglie Piera, ha proseguito nel suo impegno nel mondo del ciclismo.

Se la Geo Davidson è rinata dalle sue ceneri il 1° Gennaio 2019, il merito è sopratutto suo che ha saputo fungere da catalizzatore per i ciclisti della zona. Il gruppo ora prosegue unito e compatto al suo fianco, certo ognuno con le proprie priorità a tempistiche, ma quello che non manca mai è il supporto morale a quest’uomo straordinario, zuccone a volte, ma straordinario.

AUGURI EUGENIO!!!

L’articolo uscito anni fa sul Secolo XIX in occasione dell’incidente

Murgano vince a Sona (VR)

Il chiavarese Marco Murgano (Casillo – Petroli Firenze – Hoppla’) coglie la prima vittoria del 2020 imponendosi sul traguardo di Sona (VR) nel 57° Gran Premio San Luigi U23. La società GEO DAVIDSON di Rapallo si congratula con Marco.

Marco Murgano (a sinistra)

Siamo contenti di condividere con Lui la grande passione per la bici e le nostre belle strade del Tigullio.

4 Brevetti Oro la scorsa settimana!

Ben 4 i brevetti d’oro consegnati questa settimana, il percorso più duro fra quelli del Brevetto Levante Ligure (con i suoi 175km e quasi 4.000m di dislivello), ha visto i 4 ciclisti percorrerlo tutti in data 3 Settembre.

Giorgio Tagliani, Alessio Rocca e Massimo Furia

Tre amici dalla zona di Savona sono venuti a visitare le nostre belle montagne e ne sono rimasti colpiti. Parliamo di Giorgio Tagliani, Alessio Rocca e Massimo Furia che con una bella avventura che li ha portati a scoprire le ns. montagne, hanno portato a termine il brevetto. Sono rimasti colpiti da alcune zone del paesaggio ed auspicherebbero che fosse maggiormente pubblicizzato, come tutte le cose riguardanti il ciclismo, quello che funziona di più è il passaparola sulla strada, non mancate di parlarne ai Vs. amici!

Giuseppe Scotto

In solitaria invece, Giuseppe Scotto, ciclista di S. Margherita Ligure ha compiuto l’impresa percorrendo salite a lui ben conosciute, sempre amate, che lo hanno portato al prestigioso traguardo che gli è valso l’ottenimento del brevetto Oro.

Complimenti a tutti loro!

Il Brevetto Levante Ligure compie un anno

Si è appena chiuso il mese di Agosto e siamo ormai giunti al primo anno di vita del Brevetto Levante Ligure, presentato nel Luglio 2019 si è messo in luce offrendo la possibilità di visitare il nostro splendido territorio e portando nelle realtà locali sparse lungo il percorso i ciclisti che hanno voluto percorrerlo.

Non possiamo dire che sia un percorso “facile” visti i dislivelli da affrontare, ma sicuramente ne vale la pena per quanto riguarda gli scorci panoramici, il verde e le possibilità di visita alle attività locali che ovviamente ringraziamo ed hanno voluto ospitare la ns. iniziativa per quanto riguarda l’apposizione di timbri (che ricordiamo comunque non vincolante ai fini dell’ottenimento del brevetto).

E’ il momento di un piccolo consuntivo della situazione ad oggi delle statistiche inerenti il percorso.

Come sapete sono 6 le varianti proposte, in 3 livelli di difficoltà, normali e reverse.

Al momento sono ben 117 i diplomi consegnati ai ciclisti che hanno completato le varie versioni, ben 27 diplomi oro (24 normali e 3 reverse), 49 argento (45 normali e 4 reverse) e 41 bronzo (31 normali e 10 reverse).

Proprio nei giorni scorsi…

Continua la lettura di Il Brevetto Levante Ligure compie un anno

Guido e Gabriel, Da Londra alle Marche su due ruote!

Domattina venerdì 14/08/2020 alle 10.30, presso la Galleria di Ruta di Camogli, arriveranno Guido e Gabriel Mai, padre e figlio che si sono lanciati una avventura su due ruote meravigliosa partendo a Londra ed arrivando nelle Marche. Chi volesse accompagnarli fino in Rapallo, dove verranno accolti, potrà recarsi presso lo scollinamento di Ruta. Cerchiamo di dare il benvenuto!

Vi incollo la mail che ci ha inviato un loro amico per descrivere l’avventura:
Un mio Amico Chef rimasto disoccupato a causa della crisi. Covid a Londra visto il tempo libero che non ha mai avuto ed il suo spirito ancora in cerca di sfide ha deciso ,
A 55 anni di rientrare in Italia in bicicletta ,senza essere un ciclista quindi il 30/7 è partito da Londra e più o meno arriverà a

Continua la lettura di Guido e Gabriel, Da Londra alle Marche su due ruote!

3 Brevetti Oro e 2 Argento in amicizia

E’ notizia di oggi che tre amici, a noi ben conosciuti, si siano confrontati con l’altimetria importante proposta dal percorso Oro del nostro Brevetto del Levante Ligure.

Marco, Pietro e Mimmo, ormai giunti a S. Stefano si preparano al rientro verso Rapallo

Si tratta di (da sinistra verso destra), Marco Gardella, Pietro Schiaffino e Mimmo Nastasi che hanno ricevuto oggi il diploma tanto agognato e sono stati inseriti nella pagina dei finisher, complimenti a loro!

Vediamo qui sotto una piccola intervista svoltasi proprio durante il passaggio in quota:

Nella stessa giornata anche due amici Milanesi del A.S.D Cassinis Cycling Team, Fabio Nicora e Luigi Caretti, hanno ottenuto il Brevetto Argento! Complimenti anche a loro!

Il sito ufficiale della Società Ciclistica Rapallese